SGUARDI ALTROVE

vai al sito del festival

20° Festival del Cinema Africano, Asia e America Latina
Milano, dal 15 al 21 marzo 2010.

Un appuntamento ormai storico per gli appassionati del cinema del sud del mondo, l’unico festival in Italia interamente dedicato alla conoscenza della cinematografia, delle realtà e delle culture dei paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina.

Oltre 50 nazioni rappresentate, circa 80 tra film e video proiettati.

Tra le novità di quest’anno: la collaborazione con l’International Film Festival Rotterdam per la presentazione in prima nazionale di una selezione di film del programma Where is Africa?.

Where is Africa? includerà così nuovi corti e lunghi dedicati al cinema indipendente africano, in particolare dall’Africa anglofona, e presenterà anche la nuovissima serie dal titolo provocatorio Forget Africa, costituita da film commissionati dal Festival di Rotterdam e girati nel continente da registi asiatici e occidentali in collaborazione con registi locali.

La manifestazione viene inoltre considerata tra i momenti più significativi dell’attività del COE (centro orientamento educativo), società che svolge lavori di promozione e di animazione culturale nei paesi del Sud del mondo dal 1987.

Il programma del Festival si articola in 6 sezioni cinematografiche:

– Concorso lungometraggi “Finestre sul mondo”: film di fiction realizzati da registi d’Africa, Asia e America Latina
– Concorso documentari “Finestre sul mondo”: documentari realizzati da registi d’Africa, Asia e America Latina
– Concorso per il Miglior Film Africano: film di fiction della più recente produzione africana
– Concorso Cortometraggi Africani: cortometraggi (fiction e documentari) realizzati da registi africani

– Sezione Fuoriconcorso: Film e documentari su Africa, Asia e America Latina realizzati da registi non provenienti dai tre continenti. In questa sezione informativa verranno mostrati quei film che non corrispondono ai criteri del concorso ma che contribuiscono a veicolare un’immagine diversa dei tre continenti, per una conoscenza più approfondita della loro realtà sociale e culturale.

– Sezione Tematica Africa nel Pallone e Sezione “Forget Africa” in collaborazione con il Festival di Rotterdam.

Le proiezioni dei film si terranno in 5 sale cinematografiche: l’Auditorium San Fedele, lo Spazio Oberdan, il Cinema Gnomo, il Centre Culturel Français de Milan ed il Cinema Rosetum.

 
VAI A VEDERE IL PROGRAMMA DEL FESTIVAL

A cura di Cinemagora

IL CINEMA DEL SUD DEL MONDO

19° FESTIVAL DEL CINEMA AFRICANO, D’ASIA E AMERICA LATINA

MILANO dal 23 al 29 MARZO 2009

Il festival del cinema africano d’Asia ed America Latina non è un episodio isolato nell’attività del COE di Milano, ma, al contrario, può essere considerato il momento più significativo di tutta l’attività di promozione e d’animazione culturale che il COE rivolge ai paesi del Sud del mondo dal 1987.
Per gli appassionati del cinema del sud del mondo, Milano non salta l’appuntamento con il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina e, alla sua 19esima edizione, ci propone un’ampia vetrina
dedicata alla conoscenza della cinematografia, delle realtà e delle culture dei paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina. Più di 50 nazioni rappresentate, circa 80 tra film e video.

Il programma  prevede le  2 sezioni “competitive” – Concorsi Finestre sul mondo – aperte ai lungometraggi di fiction e ai documentari di Africa, Asia e America Latina  e tre concorsi riservati esclusivamente all’Africa: Concorso per il Miglior Film Africano e i Concorsi per i Migliori Cortometraggi di Fiction e Documentari. Tra i titoli: Sex, gombo et beurre salé, l’irresistibile commedia “all’africana” del regista di Daratt Mahamat Saleh Haroun, e Nothing but the truth, l’opera prima dell’attore sudafricano John Kani (interprete di Un’arida stagione bianca e Spiriti nelle tenebre).
Tra i film selezionati in prima nazionale l’ultima pellicola del regista argentino Pablo Trapero, Leonera presentata a Cannes 2008; dal festival di Rotterdam 2009 Adela, l’ultima opera di un regista ormai di culto nelle Filippine, Adolfo Alix Junior.
Omaggio a Darezhan Omirbayev. Regista di fama internazionale, Omirbayev è uno dei cineasti più rappresentativo del Kazakistan.

Il festival rinnova l’interesse per i media arabi con la sezione tematica: Al Jazeera, l’occhio arabo sul mondo. La selezione di programmi televisivi di Al Jazeera proposti al Festival mostrerà una carrellata di trasmissioni che affrontano l’argomento Obama e la politica Usa, come il talk show Al ittijah al Moakis (La direzione opposta) condotto da Faisal Al Kasim, anchormen di Al Jazeera; mostrando una soap opera, di produzione giordana, Al Ijtiyah (L’invasione) sull’invasione israeliana del campo profughi palestinese di Jenin, che ha ottenuto il prestigioso premio Emmy Award, o il reportage As-sajin (Il detenuto 345) che narra le vicende di un cameraman di Al Jazeera detenuto per sette anni a Guantanamo.

Per saperne di più, vai al sito del Festival

A cura di Cinemagora

PAROLA DI DONNA

Jogo de Cena-Brasile

Dal 2° Festival CINES del SUR di GRANADA

Si è conclusa sabato la seconda edizione del festival di Granada Cines del Sur (30 maggio-7 giugno 2008) dedicato alla produzione cinematografica dei paesi del Sud del mondo, dall’America Latina all’Asia passando per l’Africa ed il Medio Oriente. L’Alhambra de Oro, premio come miglior lungometraggio, è andato al Brasiliano Jogo de Cena (id., 2008) di Eduardo Coutinho, Brasile,  mentre l’Alhmbra de Plata per la miglior regia è andata al primo lungometraggio di Shivajee Chandrabhushan Frozen (id., 2008) che ha conquistato anche il pubblico guadagnando così anche il Premio del Público; infine l’Alhmbra de Bronce, premio speciale della giuria, è andata alla regista cinese Xiaolu Guo per il suo We Went to Wonderland (id., 2008). Nessun film africano tra i vincitori delle sezioni ufficiali, ma a trionfare nella sezione Mediterráneos è stata la regista marocchina Izza Genini con il suo ultimo film Nuba d’or et de lumière presentato in anteprima alla 7a edizione di Panfricana. Il premio di 6.000,00 euro è stato istituito dall’Andalusian Radio and Television Group (RTVA) per premiare la miglior creazione ideata e prodotta per la televisione e che abbia come tema la società e la cultura del bacino del Mediterraneo. Oltre al premio in denaro è prevista l’acquisizione dei diritti televisivi del film vincitore da parte della RTVA. Sul piccolo schermo in Adalusia si potrà quindi vedere a breve Nuba d’or et de lumière.

JOGO DE CENA di Eduardo Coutinho – Brasile-2007-104′ – Parte  come documentario, ma  il film riesce a raggiungere  la forma di  fiction. Dopo aver  risposto ad un annuncio sul giornale, 83 donne raccontano le loro storie di vita in uno studio. Nel giugno del 2006, sono state selezionate  23 di loro e poi filmate nel Teatro Glauce Rocha, a Rio de Janeiro.  In settembre dello stesso anno, attrici come  Marília Pêra, Andréa Beltrão e Fernanda Torres interpreteranno, a loro modo , le storie raccontate dalle donne.

Cinemagora

 

vai a vedere il trailer

Sito film