Testimonianze e riflessioni

afiche_original2

NOI ARGENTINI DISCENDIAMO ANCHE DA QUELLE NAVI
di MILENA ANNECHIARICO

Lo scorso settembre 2013, è uscito a Buenos Aires il cortometraggio documentario “Los argentinos también descendemos de esos barcos” (Noi argentini discendiamo anche da quelle navi), (Milena Annecchiarico-Lúdico Films).
Il documentario è stato presentato in diversi incontri e festivals in Argentina e in Italia. Ha ottenuto il Premio del Pubblico nel Festival “Documentamy-Un posto nel mondo”, Filmstudio90 (Varese-Italia), novembre 2013.

 

Sinossi
Il legame storico e culturale dell’Argentina con l’Africa è uno dei temi piú invisibilizzati e negati della società argentina contemporanea. Poco si sa e si dice riguardo gli africani introdotti come schiavi e della loro partecipazione nella vita sociale, politica e culturale argentina. Meno si sa della presenza attuale degli argentini afro discendenti. Il documentario esplora alcune questioni legate all’invisibilità degli afroargentini frutto del progetto ideologico nazionale che presenta l’Argentina al mondo come un paese bianco ed europeo. Oggi diversi artisti, intellettuali e attivisti del movimento afro di Buenos Aires si muovono per la lotta alla discriminazione razziale e il pieno riconoscimento di queste altre discendenze argentine.

 

Sull’autrice, Milena Annecchiarico.
Laureata in Scienze Umane dell’Ambiente (Università degli studi di Milano) e specializzata in Antropologia Culturale ed Etnologia (Università degli Studi di Torino), è attualmente dottoranda in Antropologia presso l’Istituto di Scienze Antropologiche dell’Università di Buenos Aires. Si specializza in studi antropologici delle pratiche culturali afrolatinoamericane, con progetti di ricerca in Argentina e a Cuba. Si interessa da diversi anni alla realizzazione cinematografica di documentazione sociale ed etnografica, come strumento creativo di ricerca e di diffusione. Il cortometraggio LOS ARGENTINOS TAMBIÉN DESCENDEMOS DE ESOS BARCOS è la sua prima realizzazione cinematografica.

Info:
Titolo originale: Los Argentinos también descendemos de esos barcos
Cortometraggio: 20′
Argentina-2013
——————–
Siti: http://www.telam.com.ar/notas/201312/44834-segun-un-especialista-en-argentina-esta-vigente-la-idea-de-que-somos-el-pais-blanco-de-america-latina.html
http://www.antropocosmos.org
——————-
A cura di Cinemagora

43° International Film Festival Rotterdam

untitled

Il 43° International Film Festival di Rotterdam (IFFR) che si appresta a coinvolgere come ogni anno l’intera città dei Paesi Bassi. 26 sale a programmazione completa, oltre 300 mila visitatori, più di 2.500 i rappresentanti dell’industria cinematografica e con uno dei mercati cinematografici più importanti del settore (CineMart).

Dodici giorni, dal 22 gennaio al 2 febbraio, all’insegna del cinema indipendente ed innovativo, installazioni ed esposizioni di arti visive legate ai film e a spettacoli dal vivo provenienti da tutto il mondo. Considerato non solo il più importante festival dell’Olanda, ma anche uno dei principali festival cinematografici di linguaggio sperimentale a livello internazionale, l’IFFR offre infatti una piattaforma per supportare il cinema indipendente di tutto il mondo nel tentativo di scoprire nuovi film e registi di talento.

La 43a edizione del Festival Internazionale del Cinema di Rotterdam  mette in evidenza due autori notevoli di cinema europeo. Il regista danese Nils Malmros è presente con un ampia scelta dei suoi  film. Segnaliamo : REAGAINED , sezione  dell’IFFR  dedicato alla memoria del film da un punto di vista particolare e contemporaneo, che comprende rilevanti serie di documentari  dell’Architettura come l’Autobiografia del regista sperimentale e artista tedesco Heinz Emigholz .

IFFR e dal 22 gennaio al 2 febbraio. Per maggiori informazioni visitare il sito www.filmfestivalrotterdam.com/en

A cura di Cinemagora

RITRATTI DI DONNE

eva dalbeck_Harriet Andersson

Sala Alda Merini – Spazio Oberdan – Provincia di Milano

Viale Vittorio Veneto 2, Milano

INGMAR BERGMAN, WOODY ALLEN:

NOI E LE DONNE

DAL 15 GENNAIO ALL’8 FEBBRAIO 2014

Dal 15 gennaio all’8 febbraio 2014 presso la Sala Alda Merini – Spazio Oberdan della Provincia di Milano, Fondazione Cineteca Italiana presenta la rassegna cinematografica Ingmar Bergman, Woody Allen: noi e le donne, una riflessione d’autore sulla figura femminile che comprende 15 titoli, 7 firmati da Woody Allen e 8 da uno dei suoi maestri dichiarati, Ingmar Bergman.

Sia il regista americano che il maestro svedese hanno spesso messo al centro delle loro opere le donne, tracciandone indimenticabili ritratti. Certo in modi diversi: più di frequente, ma non sempre, con i toni della commedia Allen, di cui si propongono film indimenticabili come Hannah e le sue sorelle, Mariti e mogli e Io & Annie.

Di Ingmar Bergman verranno proiettati film dedicati alle donne, all’amore e al senso della vita tra cui A proposito di tutte queste… signore, Come in uno specchio e Il silenzio. 

Se il cinema del regista svedese è caratterizzato da un registro più drammatico, il risultato però non cambia: l’acutezza di sguardo, unita a una grande sensibilità e al rigore del pensiero, ha permesso ad Allen e a Bergman di analizzare e mettere in evidenza la complessità, il mistero, l’intraprendenza, la fragilità, il coraggio, l’intelligenza – in una parola, il fascino – delle loro umanissime eroine, svelando mondi interiori la cui profondità è una lezione di vita.

Calendario

MERCOLEDÌ 15 GENNAIO
h 17.00 Un’estate d’amore (I. Bergman, 1950, 96’) v.o. sott. it.
h 19.00 La dea dell’amore (W. Allen, 1995, 95’)

GIOVEDì 16 GENNAIO
h 19.15 Mariti e mogli (W. Allen, 1992, 108’)
h 21.15 Una vampata d’amore (I. Bergman, 1953, 93’) v.o. sott. it.

VENERDÌ 17 GENNAIO
h 17.00 Interiors (W. Allen, 1978, 91’)
h 19.00 Donne in attesa (I. Bergman, 1952, 107’) v.o. sott. it.

SABATO 18 GENNAIO
h 15.00 Alle soglie della vita (I. Bergman, 1957, 84’) v.o. sott. it.
h 17.00 Hannah e le sue sorelle (W. Allen, 1986, 106’)
h 21.15 Una lezione d’amore (I. Bergman, 1954, 98’) v.o. sott. it.

DOMENICA 19 GENNAIO
h 14.30 A proposito di tutte queste signore (I. Bergman, 1963, 80’) v.o. sott. it.
h 21.15 Io & Annie (W. Allen, 1977, 93’)

MERCOLEDÌ 22 GENNAIO
h 19.15 Come in uno specchio (I. Bergman, 1960, 89’) v.o. sott. it.
h 21.15 Un’altra donna (W. Allen, 1988, 84’)

GIOVEDì 23 GENNAIO
h 16.45 Il silenzio (I. Bergman, 1962, 95’) v.o. sott. it.

VENERDÌ 24 GENNAIO
h 17.00 Un’altra donna (W. Allen, 1988, 84’)
h 19.00 Un’estate d’amore (I. Bergman, 1950, 96’) v.o. sott. it.

SABATO 25 GENNAIO
h 17.15 La dea dell’amore (W. Allen, 1995, 95’)
h 21.15 Donne in attesa (I. Bergman, 1952, 107’) v.o. sott. it.

DOMENICA 26 GENNAIO
h 14.30 Io & Annie (W. Allen, 1977, 93’)
h 16.30Come in uno specchio (I. Bergman, 1960, 89’) v.o. sott. it.

GIOVEDì 30 GENNAIO
h 17.00 Interiors (W. Allen, 1978, 91’)
h 21.15 Alle soglie della vita (I. Bergman, 1957, 84’) v.o. sott. it.

VENERDÌ 31 GENNAIO
h 17.00 Una lezione d’amore (I. Bergman, 1954, 98’) v.o. sott. it.
h 19.00 Il silenzio (I. Bergman, 1962, 95’) v.o. sott. it.

SABATO 1 FEBBRAIO
h 15.00 Mariti e mogli (W. Allen, 1992, 108’)

MERCOLEDÌ 5 FEBBRAIO
h 21.15 Blue Jasmine (W. Allen, 2013, 98’)

GIOVEDì 6 FEBBRAIO
h 17.00 A proposito di tutte queste signore (I. Bergman, 1963, 80’) v.o. sott. it.

VENERDÌ 7 FEBBRAIO
h 17.00 Una vampata d’amore (I. Bergman, 1953, 93’) v.o. sott. it.
h 19.00 Hannah e le sue sorelle (W. Allen, 1986, 106’)

SABATO 8 FEBBRAIO
h 14.30 Blue Jasmine (W. Allen, 2013, 98’)

MODALITÀ D’INGRESSO
Biglietto d’ingresso:intero € 7,00
Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera: € 5,50
Spettacoli delle ore 15 e 17 dei giorni feriali: intero € 5,50, ridotto per i possessori di Cinetessera € 3,50

UFFICIO STAMPA
Cristiana Ferrari M 333 7357510
ufficiostampa@cinetecamilano.it