AMERICA LATINA E AMBIENTE

2festival_cinema_ambiente.jpg

ROMA Dal 29 al 31 agosto 2011

Il Festival del Cinema sull’Ambiente Latinoamericano nasce a Roma nel 2010 con l’obiettivo di dare voce e visibilità alla produzione cinematografica originale sull’ambiente latinoamericana o che abbia il Latinoamerica, il Continente dove si trova la maggior parte della biodiversità e dell’acqua del mondo come soggetto e attore principale.

Il Festival è il risultato prodotto dalle diverse manifestazioni sull’ambiente che l’Associazione Culturale Nuovi Orizzonti Latini ha realizzato con successo da diversi anni.

Il 2011 è stato proclamato dall’Onu l’Anno internazionale delle Foreste, fondamentale patrimonio della Terra. In questo ambito è stato programmato un documentario sull’iniziativa lanciata dal governo ecuadoriano, riguardante il Parco Naturale Yasuní considerato riserva mondiale dall’UNESCO. Ogni giorno, circa 350 chilometri quadrati di Foresta vengono distrutti in tutto il mondo e Yasuní – ITT, è un progetto rivoluzionario che punta a finanziare il “Non sfruttamento del petrolio del sottosuolo” di una zona naturale che ospita una delle più ricche biodiversità nel Pianeta.

In anteprima europea presenteremo un documentario omaggio al maestro Adolfo María Pérez Esquivel,  Premio Nobel per la Pace nel 1980, per le denunce contro gli abusi della dittatura militare argentina negli anni Settanta.

Questo anno si commemora il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia e non mancherà nel Festival del Cinema sull’Ambiente Latinoamericano lo sguardo italiano, attraverso la presentazione di documentari realizzati in Patagonia, Galápagos, Venezuela, Bolivia e Messico.

Il “II Festival di Cinema sull’Ambiente Latinoamericano” è un evento ideato ed organizzato dall’Associazione Culturale Nuovi Orizzonti in collaborazione con l’Isola del Cinema, conta sul Patrocinio della Provincia di Roma (Ass. alla Cultura), sul Patrocinio delle Ambasciate: dell’Ecuador, dell’Argentina,  della Repubblica Bolivariana del Venezuela,  del Consolato Generale del Perù;  Patrocinio dell’Accademia internazionale di Scienze Ambientali, Patrocinio di Libera, e della Legacoopsociali Lazio.

Tutta la manifestazione si realizzerà rispettando l’ambiente: con dei prodotti equosolidali,  materiali riciclati e prodotti biologici, tipici dell’America Latina.

Proiezioni preso il TiberScreen – Isola del Cinema – ROMA
Tre ore non stop di cortometraggi sull’ambiente latinoamericano. Ingresso gratuito.

Per saperne di più vai al sito

SGUARDI DAL MONDO

logo festival
21° FESTIVAL DEL CINEMA AFRICANO, D’ASIA E AMERICA LATINA
Milano 21 – 27 marzo 2011

Un appuntamento ormai storico per gli appassionati del cinema del sud del mondo, l’unico festival in Italia interamente dedicato alla conoscenza della cinematografia, delle realtà e delle culture dei paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina. Oltre 50 nazioni rappresentate, circa 80 tra film e video proiettati.

Il programma del 21° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina prevede le ormai consuete due sezioni competitive Concorsi Finestre sul mondo – aperte ai lungometraggi di fiction e ai documentari di Africa, Asia e America Latina  – e due concorsi riservati esclusivamente all’Africa: il Concorso per il Miglior Film Africano e il Concorso per il Miglior Cortometraggi Africano (aperto a fiction e documentari).

A cura di Cinemagora

IL CINEMA DEL SUD DEL MONDO

19° FESTIVAL DEL CINEMA AFRICANO, D’ASIA E AMERICA LATINA

MILANO dal 23 al 29 MARZO 2009

Il festival del cinema africano d’Asia ed America Latina non è un episodio isolato nell’attività del COE di Milano, ma, al contrario, può essere considerato il momento più significativo di tutta l’attività di promozione e d’animazione culturale che il COE rivolge ai paesi del Sud del mondo dal 1987.
Per gli appassionati del cinema del sud del mondo, Milano non salta l’appuntamento con il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina e, alla sua 19esima edizione, ci propone un’ampia vetrina
dedicata alla conoscenza della cinematografia, delle realtà e delle culture dei paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina. Più di 50 nazioni rappresentate, circa 80 tra film e video.

Il programma  prevede le  2 sezioni “competitive” – Concorsi Finestre sul mondo – aperte ai lungometraggi di fiction e ai documentari di Africa, Asia e America Latina  e tre concorsi riservati esclusivamente all’Africa: Concorso per il Miglior Film Africano e i Concorsi per i Migliori Cortometraggi di Fiction e Documentari. Tra i titoli: Sex, gombo et beurre salé, l’irresistibile commedia “all’africana” del regista di Daratt Mahamat Saleh Haroun, e Nothing but the truth, l’opera prima dell’attore sudafricano John Kani (interprete di Un’arida stagione bianca e Spiriti nelle tenebre).
Tra i film selezionati in prima nazionale l’ultima pellicola del regista argentino Pablo Trapero, Leonera presentata a Cannes 2008; dal festival di Rotterdam 2009 Adela, l’ultima opera di un regista ormai di culto nelle Filippine, Adolfo Alix Junior.
Omaggio a Darezhan Omirbayev. Regista di fama internazionale, Omirbayev è uno dei cineasti più rappresentativo del Kazakistan.

Il festival rinnova l’interesse per i media arabi con la sezione tematica: Al Jazeera, l’occhio arabo sul mondo. La selezione di programmi televisivi di Al Jazeera proposti al Festival mostrerà una carrellata di trasmissioni che affrontano l’argomento Obama e la politica Usa, come il talk show Al ittijah al Moakis (La direzione opposta) condotto da Faisal Al Kasim, anchormen di Al Jazeera; mostrando una soap opera, di produzione giordana, Al Ijtiyah (L’invasione) sull’invasione israeliana del campo profughi palestinese di Jenin, che ha ottenuto il prestigioso premio Emmy Award, o il reportage As-sajin (Il detenuto 345) che narra le vicende di un cameraman di Al Jazeera detenuto per sette anni a Guantanamo.

Per saperne di più, vai al sito del Festival

A cura di Cinemagora