SPECIALE FESTIVAL CINEMA LATINO AMERICANO TRIESTE

 

bunuel_poster.jpg

RETROSPETTIVA LUIS BUÑUEL

 

A trent’anni dalla sua scomparsa, una retrospettiva propone in esclusiva a Trieste 11 pellicole senza censura del grande regista Luis Buñuel.

 

All’interno del ricco programma del XXVIII Festival del Cinema Latino Americano di Trieste, troviamo quest’anno un’interessantissima retrospettiva dedicata a uno dei più grandi e suggestivi rappresentati del cinema surrealista, Luis Buñuel, che durante la sua carriera a causa della dittatura franchista, fu costretto a spostarsi tra Francia, Stati Uniti e Messico. Proprio il periodo trascorso in quest’ultimo paese dell’America Latina, fu per Buñuel uno dei più prolifici ed efficaci della sua carriera.

 

A Trieste, al Teatro dei Fabbri, prenderà vita la retrospettiva “Buñuel senza tagli”, una rassegna di 11 film senza censura del maestro aragonés, realizzati proprio durante il suo esilio in Messico, che gli fece guadagnare l’appellativo di “messicano”.

 

I film che verranno proiettati nella retrospettiva sono in particolare:

 

          El gran calavera di Luis Buñuel e Fernando Soler (1949), 87’;

 

          Subida al cielo            di Luis Buñuel (1951), 85’;    

 

          La Ilusión viaja en tranvía di Luis Buñuel (1953), 103’;

 

          La hija del engaño di Luis Buñuel (1951) 77’;

 

          Nazarín di Luis Buñuel (1958) 98’;

 

          Viridiana di Luis Buñuel (1961) 90’;

 

          El río y la muerte di Luis Buñuel (1955) 91’;

 

          El angel esterminador di Luis Buñuel (1962)           95’;

 

          Simón del desierto di Luis Buñuel (1964) 43’;

 

          Los olvidados di Luis Buñuel (1950)88’;

 

          El di Luis Buñuel (1953) 89’;

————————————————————————————————-

 

LUIS BUÑUEL

Nato a Calanda, in Spagna, nel 1900, e considerato uno dei più grandi registi del XX secolo, Buñuel fu il più famoso ed emblematico esponente del cinema surrealista, trovatosi costretto, a causa della dittatura franchista instauratasi in Spagna, ad operare tra Messico, Francia e Stati Uniti, spesso con budget piuttosto modesti. I temi principalmente trattati nel corso della sua carriera cinematografica furono: la natura dell’inconscio, l’irrazionale, la sessualità umana e la critica anti-borghese ed anti-clericale. Tra i vari premi ricevuti vale la pena di ricordare l’Oscar al miglior film straniero nel 1973, la Palma d’oro al festival di Cannes nel 1961 e il Leone d’oro alla carriera alla mostra del cinema di Venezia nel 1982. Buñuel morì nel 1983 a Città del Messico.

—————————————————————————————————

Il programma completo del Festival si trova sul  sito (http://www.cinelatinotrieste.org/fest2013/), mentre tutti gli aggiornamenti in tempo reale sulla  pagina Facebook ufficiale (https://www.facebook.com/cinelatinoamericanotrieste).

 

A cura di Cinemagora

 

 

SPECIALE FESTIVAL CINEMA LATINO AMERICANO TRIESTEultima modifica: 2013-10-21T17:33:00+02:00da cinemagora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento