SPECIALE FESTIVAL CINEMA LATINO AMERICANO TRIESTE

Auditorium Revoltella

28° Festival  del Cinema Latino Americano di Trieste:
Il programma di oggi 21 ottobre 2013

 

La settimana del XXVIII Festival del Cinema Latino Americano di Trieste inizia lunedì 21 ottobre al Museo Revoltella con la proiezione alle ore 11.00 nella sezione Contemporanea fuori concorso di El diario de Augustín del regista Ignacio Agüero, che ha seguito un gruppo di studenti e ricercatori dell’Università del Cile per svelare cosa si nasconde dietro alla figura di Augustín Edwards, fondatore del quotidiano El Mercurio, nonché uno dei simboli della destra sudamericana. Edwards rappresenterebbe il terzo attore coinvolto nel colpo di stato, che nel 1973 destituì Salvador Allende, ovvero la società civile cilena. Un reportage che ancora una volta cerca di fare luce sul golpe che cambiò la storia del Cile.

 

Nel pomeriggio è poi la volta del Concorso Ufficiale con le pellicole argentine Sola contigo di Alberto Lecchi e Vidrios di Ignacio Bollini e Federico Luis Tachella. La serata al Revoltella si apre alle 20.00 per la sezione Contemporanea fuori concorso con Karen llora en un bus di Gabriel Rojas Vera, commovente storia di emancipazione femminile sullo sfondo di una Colombia contemporanea. Per la sezione Concorso Ufficiale, invece, alle 22.00 verrà proiettato Sin otoño, sin primavera del regista equadoregno Ivàn Mora Manzano, che intreccia le vicende di diversi personaggi, tutti schiacciati dalle pressioni della città in cui vivono e che tentano di ribellarsi contro una società nella quale sono costretti a vivere.

 

Al Circolo Culturale Kulp le proiezioni partono alle ore 17.00 con uno sguardo ai festival d’Oltreoceano. La sezione Cooperando, infatti, propone le pellicole provenienti dal festival brasiliano di Florianópolis, incentrate sull’emigrazione, ovvero: A Guerra dos Gibis di Thiago Brandimarte Mendonça e Rafael Terpins, Ao velho lobo do mar di Eduardo Guerreiro, Cancha – antigamente era mais moderno di Luciano Mariz, Debaixo d’água di Silvia Godinho; e quello argentino di Oberà, che pone l’attenzione sulla multiculturalità di quello spicchio di Argentina nella provincia di Misiones. I film proposti saranno: Nuestra arma es nuestra lengua di Cristian Cartier Ballvé, Lobo está di Hugo Curletto e Marcos Altamirano, Quitral di Francisco J. Paparella e Monstruo di Carlos Morelli.

 

Nella sezione Salon España alle 19.00, sempre al Knulp, viene proiettato El cosmonauta di Nicolás Alcalá, mentre per Il Cile di ieri e di oggi vedremo Qué pena tu boda di Nicolás López, rappresentante di quei giovani registi under 35 che costituiscono il nuovo cinema emergente cileno e che si stanno imponendo in tutti i più importanti festival cinematografici internazionali.

 

Lunedì prenderà il via anche la retrospettiva “Buñuel senza tagli” al Teatro dei Fabbri, che vedrà la proiezione di 11 film senza censura del grande regista aragonese, prodotti durante il suo periodo messicano. Lunedì 21 verranno proiettati in particolare El gran calavera del 1949 e Subida al cielo del 1951.

 

Si ricorda che l’ingresso al Festival è possibile tramite la tessera associativa APCLAI, dal costo di 12,00 Euro per gli adulti e di 5,00 euro per gli studenti, che darà accesso a tutte le proiezioni dell’Auditorium Revoltella e del Circolo Culturale Knulp per l’intera durata della manifestazione. Inoltre con la tessera sarà possibile avere la riduzione del biglietto per la retrospetiva “Buñuel senza tagli” al Teatro dei Fabbri.

 

Al Museo Revoltella sarà possibile acquistare il catalogo ufficiale del Festival con tutte le sinossi, le informazioni tecniche e le fotografie dei film proiettati, al costo di 10,00 Euro.

 

Il programma completo del Festival si trova sul  sito http://www.cinelatinotrieste.org/fest2013/
mentre tutti gli aggiornamenti in tempo reale sulla  pagina Facebook ufficiale
https://www.facebook.com/cinelatinoamericanotrieste

A cura di Cinemagora

SPECIALE FESTIVAL CINEMA LATINO AMERICANO TRIESTEultima modifica: 2013-10-21T14:51:00+02:00da cinemagora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento