SPECIALE FESTIVAL CINEMA LATINO AMERICANO TRIESTE

auditorium revoltella,premiazioneSABATO  26 OTTOBRE

LA PREMIAZIONE

Dopo sette giorni di proiezioni nelle diverse categorie, le giurie hanno decretato i film vincitori e le menzioni speciali della XXVIII edizione del Festival del Cinema Latino Americano di Trieste.

 

 

 

CONCORSO UFFICIALE

untitled.pngPRIMO PREMIO al film messicano El fuego inolvidable di Fernando Benítez Ontiveros, con la seguente motivazione: “In questo film riscontriamo un ampio uso dei canoni cinematografici e di una regia particolarmente efficace insieme a una buona recitazione nell’insieme. Durante tutto il film il ritmo è intenso e trepidante, converge in una evoluzione narrativa, un climax che si risolve magistralmente nell’istante finale. Il tema principale del film è originale, attuale e allo stesso tempo critico rispetto all’attuale sistema sociopolitico messicano. Lo spettatore termina la visione profondamente commosso”.

         

german.jpgPREMIO SPECIALE al film argentino Germán, las últimas viñetas di Cristian Bernard, Flavio Nardini e Federico Sosa, con la seguente motivazione: “Risaltano l’originalità della proposta, la qualità della sceneggiatura cinematografica, i dialoghi, la poesia che scaturisce dalla storia e dalle immagini, la stupenda contestualizzazione storica di uno dei periodi più oscuri della recente storia politica Argentina: parliamo della dittatura militare di Videla, dei desaparecidos, del regime del terrore che si instaurò. Allo stesso modo il finale risulta commovente per la bellezza delle immagini, dei dialoghi e della musica”.


 1339516508593.jpgPREMIO MIGLIOR REGIA al film italiano La guerra del maiale di David Maria Putorti, con la seguente motivazione: “La giuria ha trovato particolarmente significativo l’immane sforzo di adattare al grande schermo una delle opere classiche della letteratura ispano-americana contemporanea, il Diario della guerra del maiale, del rinomato scrittore argentino BioyCasares. Il lavoro risulta perciò meritevole ed efficace, a maggior ragione se si pensa all’ulteriore difficoltà di aver trasposto in immagini un’opera del prodigioso realismo magico”.

       

 

CONTEMPORANEA CONCORSO

auditorium revoltella,premiazioneIl primo premio della sezione al film cileno Rosita, la favorita del Tercer Reich di Pablo Berthelon, con la seguente motivazione: ”Abbiamo scelto di premiare ‘l’usignolo cileno’ perché rappresenta un simbolo di lotta alle dittature. Una donna che con coraggio e sacrificio salvò vite umane e si oppose alla violenza. Rosita, la Favorita del Tercer Reich imprime mirabilmente attraverso la raccolta di documenti storici e testimonianze la realtà di un’epoca e lancia un messaggio di forza e di coraggio alle nuove generazioni”.

 

 PREMIO CULTURA DI GENERE al film guatemalteco Aurora di Raúl San Román Otegi, con la seguente motivazione: “Un canto alla speranza, quella di Aurora, una donna indigena di etnia Q’eqchi di Alto Vera Paz, Guatemala, vittima di violenza di genere. La sua lotta continua così come la difficile evoluzione come donna sono un esempio da seguire, soprattutto in un paese dove la violenza sistematica e maschilista sono all’ordine del giorno”.

 

PREMIO DELLA CRITICA

 

Il Premio della Critica al film italiano La guerra del maiale di David Maria Putorti, con la seguente motivazione: “Per l’abilità nel trasporre un romanzo degli anni ’60 in chiave contemporanea, focalizzando questioni attualissime quali il conflitto generazionale e la violenza del discorso politico. Per l’acutezza e l’ironia dello sguardo, il gusto e l’eleganza della regia e della direzione degli attori”.

 

PREMIO MALVINAS

 

auditorium revoltella,premiazioneLa giuria del Premio Malvinas, composta dagli studenti delle scuole superiori Petrarca, Nordio, Bachelet e Dante di Trieste ha assegnato un premio, legato alle vicende storiche della guerra nelle isole Malvinas (Falklands), con lo scopo di valorizzare, mediante il cinema, la sana convivenza internazionale, la tolleranza, il dialogo, il rispetto e l’osservanza del Diritto Internazionale. Il Premio è stato assegnato al film argentino El árbol de la muralla di Tomás Lipgot, per: “la completa attinenza al tema del diritto internazionale, della tolleranza e del dialogo, ma soprattutto per la testimonianza diretta di un sopravvissuto alla Shoah, espressa in maniera ironica, umana e mai banale”.

 

PREMIO MUNDO LATINO

 

auditorium revoltella,premiazione,el fuego inolvidable,fernandoLa giuria del Premio Mundo Latino, composta dagli studenti del Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico di Duino (TS), assegna ogni anno il riconoscimento alla pellicola che meglio tratta una problematica storica dell’America Latina. Quest’anno il premio è andato al film messicano Entre dos mundos. La historia de Gonzalo Guerrero di Fernando González Sitges, perché “ritrae con successo la conquista da una nuova prospettiva, grazie a un personaggio capace di integrarsi in una cultura diversa. In questa maniera ci fa vedere che il rispetto e la tolleranza alla diversità sono possibili”.

 

La giuria del Premio Mundo Latino ha anche assegnato una Menzione speciale al film messicano El pueblo de México: el Arte di Jorge Prior, perché “mostra in forma concisa e chiara l’evoluzione dell’arte messicana e la sua manifestazione nell’attualità. La sceneggiatura, inoltre, mette in evidenza il messaggio del film e invita lo spettatore ad approfondire le proprie conoscenze sull’arte messicana”.

 

MIGLIOR COLONNA SONORA

 

Premio Miglior Colonna Sonora al compositore Sebastian Vergara, autore delle musiche del film cileno Las cosas como son di Fernando Lavanderos Montero, per “l’originalità e la capacità di creare con gli archi delle sonorità decisamente nuove e convincenti nella pellicola”.
 

PREMIO DEL PUBBLICO

 

auditorium revoltella,premiazioneIl pubblico del XXVIII Festival del Cinema Latino Americano di Trieste, ha espresso le sue preferenze alla fine di ogni proiezione della categoria Concorso Ufficiale, decretando così le proprie preferenze. Ad aggiudicarsi il Premio del Pubblico è il film honduregno Garifuna en peligro di Alí Allié e Ruben Reyes.

 


– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

 

Le pellicole vincitrici verranno proiettate, come tradizione, durante la giornata di domenica 27 ottobre nell’Auditorium del Museo Revoltella con la seguente programmazione:

 

·         Ore 11.00 El árbol de la muralla di Tomás Lipgot (Premio Malvinas);

 

·         Ore 12.15 Aurora di Raúl San Román Otegi (Premio Cultura di Genere);

 

·         Ore 15.30 Germán, las últimas viñetas di Cristian Bernard, Flavio Nardini e Federico Sosa (Premio speciale);

 

·         Ore 18.00 Rosita, la favorita del Tercer Reich di Pablo Berthelon (Premio Contemporanea Concorso);

 

·         Ore 20.00 El fuego inolvidable di Fernando Benítez Ontiveros (Primo premio)

 

·         Ore 22.00 La guerra del maiale di David Maria Putorti (Premio Miglior Regia e Premio della Critica).

 

 

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

 

Il Festival è stato realizzato con il contributo della Regione Autonoma del Friuli Venezia Giulia, della Provincia di Trieste, del Comune di Trieste e della Camera di Commercio di Trieste, con il patrocinio dell’Istituto Italo-Latino Americano, dell’Istituto Italo-Latino Americano e dell’Università degli Studi di Trieste.


Info sul sito del festival di Trieste 


 – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –                 

A cura di Cinemagora           

 

 

SPECIALE FESTIVAL CINEMA LATINO AMERICANO TRIESTE

PROGRAMMA VENERDI’ 25 OTTOBRE

Ultimo giorno di sezioni in concorso al Festival e il ritorno del tango Oltreconfine.

Beatriz_Portinari_Un_documental_sobre_Aurora_Venturini-465047879-large.jpgSesto giorno di proiezioni al XXVIII Festival del Cinema Latino Americano di Trieste, quello di venerdì 24 ottobre, in cui verranno proiettati gli ultimi film in gara nelle sezioni Concorso ufficiale e Contemporanea concorso.  Si parte proprio con quest’ultima sezione alle ore 11.00 al Museo Revoltella con il film Beatriz Portinari. Un documental sobre Aurora Venturini di Agustina Massa e Fernando Krapp. Un interessante documentario sulla scrittrice argentina Aurora Venturini, che utilizzò lo pseudonimo di Beatriz Portinari, la musa ispiratrice di Dante Alighieri.

 

 

 

Nel Concorso ufficiale troviamo, invece, Germán, últimas viñetas di Cristian Bernard, Flavio Nardini e Federico Sosa dall’Argentina, mentre direttamente dall’Honduras arriva Garifuna en peligro di Alí Allié e Ruben Reyes, un film umano e pieno di humor che racconta l’avventura di Ricardo Garifuna, insegnante di lingua che tanta in tutti i modi di aprire una scuola nel suo paese d’origine. Mentre in tarda serata arriva la pellicola cilena Soy mucho mejor que vos di Che Sandoval.

 

 

MIRADAS MULTIPLESContinuano anche le proiezioni dello Spazio UNAM alle 20.15 con il film Miradas múltiples di Emilio Maillé.

Al Circolo Culturale Knulp la Spagna è ancora protagonista con Salón España e una serie di cortometraggi a partire dalle 17.00, mentre alle 19.00 verrà proietato il lungometraggio El cosmonauta di Nicolás Alcalá. La sera sarà dedicata alla sezione Il Cile di ieri e di oggi con il film Sentado frente al fuego di Alejandro Fernández Almendras.

Al Teatro dei Fabbri la retrospettiva “Buñuel senza Tagli” propone le pellicole El río y la muerte (1955) e El angel esterminador (1962).

El otro caminoTorna l’appuntamento Oltreconfine alla Casa di Cultura di Crevatini (Slovenia) con la sezione Tango. Identidad de un pueblo, che venerdì 25 ottobre vedrà la proiezione di Tango désir di Edgardo Cozarinsky, El otro camino di  Gabriel Szollosy e El tango bailado di Mauricio Berú, accompagnate da esibizioni dal vivo, in collaborazione con l’associazione Art Tango Medea.

Si ricorda che l’ingresso al Festival è possibile tramite la tessera associativa APCLAI, dal costo di 12,00 Euro per gli adulti e di 5,00 euro per gli studenti, che darà accesso a tutte le proiezioni dell’Auditorium Revoltella e del Circolo Culturale Knulp per l’intera durata della manifestazione. Inoltre con la tessera sarà possibile avere la riduzione del biglietto per la retrospetiva “Buñuel senza tagli” al Teatro dei Fabbri.

Al Museo Revoltella sarà possibile acquistare il catalogo ufficiale del Festival con tutte le sinossi, le informazioni tecniche e le fotografie dei film proiettati, al costo di 10,00 Euro.

Il programma completo del Festival si trova sul  sito (http://www.cinelatinotrieste.org/fest2013/), mentre tutti gli aggiornamenti in tempo reale sullA pagina Facebook ufficiale (https://www.facebook.com/cinelatinoamericanotrieste).

 

A cura di Cinemagora

 

SPECIALE FESTIVAL CINEMA LATINO AMERICANO TRIESTE

PROGRAMMA GIOVEDI’ 24 OTTOBRE

 

Continuano le proiezioni al XXVIII Festival dei Cinema Latino Americano di Trieste. La quinta giornata della kermesse, quella di giovedì 24 ottobre si apre alle 11.00 al Museo Revoltella con la sezione Contemporanea concorso, e più precisamente con la campo-abierto-web.jpgproiezione del documentario Campo abierto di Juan Carlos Martín, che ripercorre gli ultimi dieci anni di vita e di lavoro dell’artista messicano Gabriel Orozco. A seguire nella stessa sezione si potrà vedere il suggestivo cortometraggio Caracas en moto del regista venezuelano Daniel Ruiz Hueck, che affronta il difficile problema del traffico di Caracas, dove ogni abitante perde almeno tre ore al giorno imbottigliato nel traffico.

382521_10151709835290435_1545066559_n.jpgPer la sezione Concorso ufficiale, alle 16.00 viene proiettato Hasta encontrarte di Leopoldo Laborde, regista messicano che racconta l’amore e la conflittualità di due adolescenti che si conoscono tramite internet e che vivono poi la loro storia in una Città del Messico contemporanea.

Alle 18.00 per Spazio UNAM verrà proiettato il film Entre dos mundos. La historia de Gonzalo Guerrero di Fernando Gonzáles Sitges, che documenta la storia del naufrago spagnolo considerato il padre del meticciato. Per l’occasione saranno presenti il direttore Ernesto Velazquez Briseño e il vicedirettore Felipe Oroperca di Tv UNAM (Universidad Nacional Autónoma de México), la più grande università del Messico, che conta oltre 300mila dipendenti e che è di fatto una fucina di giovani talenti del cinema messicano. Un’occasione unica di confronto che rappresenta il primo mattone della già siglata collaborazione con l’Università degli Studi di Trieste.

 

lascosas.pngNelle proiezioni della sera, alle 20.00 sarà protagonista la Colombia con la pellicola Karenllora en un bus di Gabriel Rojas Vera per la sezione Contemporanea fuori concorso, mentre in tarda serata in Concorso verrà proiettato Las Cosas como son del cileno Fernando Lavanderos.

Al Circolo Culturale Knulp nel frattempo continuano dalle proiezioni di Salón España, con produzioni di vario genere del cinema spagnolo emergente. Per la sezione Il Cile di ieri e di oggi, invece, alle 21.00 verrà proiettato il film Anónimo di Renato Pérez Arancibia.

Al Teatro dei Fabbri altre due pellicole per la retrospettiva “Buñuel senza tagli” del grande maestro aragonese. In particolare giovedì 24 ottobre verranno proiettate Nazarín (1958) e Viridiana (1961).

All’interno del Festival quest’anno verrà presentato il primo romanzo della giornalista e scrittrice Marina Murai, in giuria nella sezione Concorso ufficiale. Il libro Me llamo ‘Nadie’ – Historia de una mujer invisible (Mi chiamo ‘Nessuno’ – Storia di una donna invisibile) sarà introdotto dall’autrice giovedì 24 ottobre alle ore 9.30 nell’aula magna della Scuola per Interpreti e Traduttori, in via Filzi 14. (Vedi comunicato in allegato).

Si ricorda che l’ingresso al Festival è possibile tramite la tessera associativa APCLAI, dal costo di 12,00 Euro per gli adulti e di 5,00 euro per gli studenti, che darà accesso a tutte le proiezioni dell’Auditorium Revoltella e del Circolo Culturale Knulp per l’intera durata della manifestazione. Inoltre con la tessera sarà possibile avere la riduzione del biglietto per la retrospetiva “Buñuel senza tagli” al Teatro dei Fabbri.

Al Museo Revoltella sarà possibile acquistare il catalogo ufficiale del Festival con tutte le sinossi, le informazioni tecniche e le fotografie dei film proietati, al costo di 10,00 Euro.

Il programma completo del Festival si trova sul  sito (http://www.cinelatinotrieste.org/fest2013/), mentre tutti gli aggiornamenti in tempo reale sulla  pagina Facebook ufficiale (https://www.facebook.com/cinelatinoamericanotrieste).

A cura di Cinemagora